18 novembre 2013. Primo seminario del progetto di Anffas onlus Pescara “La sessualità nella disabilità: un diritto”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Anffas onlus Pescara

 

Anffas Onlus Pescara, Associazione Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, sta realizzando  un progetto dal titolo “ LA SESSUALITA ’ NELLA DISABILITA’: UN DIRITTO”,approvato dalla Regione Abruzzo ai sensi  della L.R. 95/95 .

Anffas Onlus, nel suo lavoro di tutela delle persone con disabilità,  prendendo come punto di riferimento laconvenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità mette in evidenza in questo progetto uno dei punti della stessa : il diritto all’autodeterminazione, alla libertà di scelta e partecipazione in tutti gli ambiti della vita della nostra società, nel pieno rispetto di una crescita personale che porti ad una inclusione sostanziale.

In quest’ottica il  progetto  è sperimentale, in quanto modifica la prospettiva: saranno le persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, che da oggetto diventeranno soggetto  di informazione parlando in prima persona delle problematiche relative la sessualità, esprimendo i propri punti di vista, le emozioni e l’immagine che hanno di se rispetto all’argomento proposto.

Nel progetto, oltre alle persone con disabilità, saranno coinvolte:

–       le famiglie: per confrontarsi, riflettere, comprendere ed essere preparate ad affrontare e gestire anche situazioni impreviste. Saranno coinvolte  anche le famiglie giovani con bambini con disabilità, perché molto spesso la sessualità è un aspetto  trascurato dai progetti educativi riguardanti l’infanzia.

–       gli operatori (psicologi, educatori,operatori del sociale e del sanitario) che condividono il tempo e lo spazio con persone con disabilità al fine di poter riflettere anche sul senso del proprio ruolo, all’interno della dimensione della relazione di aiuto e di cura.

Al  progetto parteciperanno   organizzazioni culturali, sanitarie, istituzionali e pubbliche affinché si tenga conto della complessità di un argomento che coinvolge la persona in tutte le dimensioni della vita, non solo personale, ma anche appunto, sociale e sanitario:

·         l’università G. D’Annunzio parteciperà con un seminario sul tema che coinvolgerà oltre agli studenti universitari, le famiglie, le persone con disabilità, le associazioni, gli operatori e chiunque sia interessato all’argomento.

·         il consultorio come organo di servizio socio sanitario rivolto a tutti i cittadini che interverrà per le sue competenze al fine di condividere, conoscere e far conoscere le esperienze sul tema della sessualità delle persone con disabilità.

·         professionisti esperti,  figure di spicco a livello nazionale, che attraverso la loro esperienza e studi nel settore, interverranno in incontri rivolti alle persone con disabilità, alle loro famiglie , alle associazioni interessate ai professionisti del settore e all’intera cittadinanza.

·         Le scuole attraverso la diffusione a mezzo manifesti e circolari interne nei loro istituti, degli scopi progettuali e degli incontri tematici,  rivolta in particolare alle famiglie degli studenti con disabilità e agli insegnanti.

Il progetto prevede la realizzazione di 4 seminari tematici e un convegno finale

IL PRIMO DEI SEMINARI SI TERRÀ LUNEDI 18 NOVEMBRE 2013 PRESSO L’AULA 1 DEL CAMPUS UNIVERSITARIO DI CHIETI DALLE 9.30 ALLE 12.30.

IL SECONDO SI TERRÀ LUNEDI 9 DICEMBRE PRESSO LA SALA TINOZZI DELLA PROVINCIA DI PESCARA DALLE 9.30 ALLE 12.30.

I RESTANTI SEMINARI CON DATA DA DEFINIRSI.

LOCANDINA SESSUALITà per sito

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi