Incontro Anffas Abruzzo sulla Riforma del Terzo Settore

Si è svolto oggi, 15 marzo, l’incontro Anffas di livello regionale incentrato sui temi della Riforma del terzo settore. Nella sede di Pescara, alla presenza di circa 50 persone, tra referenti, leader associativi, tecnici e volontari, afferenti alle 15 Anffas del territorio (associazioni locali, organismo regionale ed enti a marchio) per confrontarsi con il nostro livello nazionale.

Il presidente Roberto Speziale, insieme al direttore generale Emanuela Bertini e al consulente legale, avv. Gianfranco de Robertis, ha chiarito molti aspetti della Riforma, che ci vedrà impegnati nei prossimi mesi a partire dagli adeguamenti degli Statuti. Ma confrontarsi sugli adempimenti e sulle opportunità della Riforma, anche rispetto agli assetti associativi e gestionali attuali, ha portato inevitabilmente ad approfondire aspetti fondamentali della nostra associazione, come la tutela dei diritti, la promozione dell’autodeterminazione e l’autorappresentanza delle persone con disabilità.

Un incontro proficuo per ribadire valori associativi fondamentali e anche per confrontarsi sulle peculiarità, potenzialità e criticità del territorio.

L’occasione infine per complimentarci con il presidente Speziale per il riconoscimento di Cavaliere della Repubblica, ricevuto dalla più alta carica dello Stato.

Roma, 18 febbraio 2019 – “La mia voce conta”. Il comunicato stampa di Anffas onlus.

ROMA 18 FEBBRAIO 2019 – “La mia voce conta” – EVENTO CONCLUSIVO E PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL PROGETTO ANFFAS: “CAPACITY, LA LEGGE È EGUALE PER TUTTI” PER IL SOSTEGNO ALLA PRESA DI DECISIONE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ INTELLETTIVE E DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO

Si avvicina l’evento conclusivo del progetto Anffas “Capacity: la legge è eguale per tutti – Modelli e strumenti innovativi di sostegni per la presa di decisioni e per la piena inclusione sociale delle persone con disabilità intellettive”*. Una giornata ricca di interventi per ri-pensare il supporto alla presa di decisioni delle persone con disabilità intellettive e contribuire a costruire un futuro migliore per la loro vita. Il 18 febbraio presso l’Hotel Eurostars Roma Aeterna, in via Casilina 125, dalle 09.30 alle 17.00.

Si prevede la presenza di oltre 200 partecipanti, provenienti da tutte le parti d’Italia tra: persone con disabilità, famiglie, istituzioni, professionisti ed esperti di livello nazionale.

Durante la giornata saranno presentati i tanti risultati del progetto “Capacity” di Anffas, nato per sperimentare modelli innovativi di sostegno al processo decisionale per le persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, in attuazione dell’art.12 della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (Eguale riconoscimento di fronte alla Legge) al fine di promuovere la loro piena inclusione sociale e la partecipazione alla cittadinanza attiva.

Il progetto ha rappresentato una delle iniziative più innovative che Anffas abbia mai realizzato e ha permesso la sperimentazione, attraverso un percorso durato oltre un anno, di modelli e pratiche innovative di sostegno al processo decisionale attraverso la creazione di guide, tutorial, esercizi e risorse informatiche rivolti a persone con disabilità, famiglie, operatori dei servizi, operatori dei sistemi di giustizia e del sociale, e un’analisi del sistema giuridico normativo italiano in relazione alla concreta attuazione dell’art. 12 della CRPD, anche a confronto con i sistemi introdotti a livello europeo ed internazionale, al fine di approfondirne i punti di forza e di debolezza.

Saranno gli stessi protagonisti del progetto a raccontare la loro esperienza all’interno del progetto che li ha visti coinvolti nella sperimentazione. Sentiremo quindi le testimonianze dei gruppi di Anffas Ragusa, Anffas Ortona, Anffas Sulmona, Anffas Faenza e della Fondazione Comunità la Torre a m. Anffas.

Durante il progetto “Capacity”, i ricercatori del CESPEF – Centro studi Pedagogici sulla vita matrimoniale e familiare – dell’Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Brescia, hanno realizzato uno studio approfondito sulle pratiche promettenti di sostegno alla presa di decisione e saranno proprio gli stessi ricercatori a descrivere i risultati della ricerca. Interverranno quindi la dott.ssa Rosalba Zannantoni, la dott.ssa Paola Zini, la dott.ssa Chiara Bellotti, la dott.ssa Paola Amarellie il dott. Emanuele Serrelli.

Il progetto “Capacity” ha inoltre visto la realizzazione di un’analisi del sistema giuridico italiano “Valutazione della conformità della normativa italiana all’articolo 12 della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità (CRPD) a cura dell’Istituto di Studi Giuridici Internazionali (ISGI) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), completata attraverso gli esiti di una consultazione pubblica che ha coinvolto 917 persone di cui 155 con disabilità intellettive. Sarà la dott.ssa Valentina Della Fina, primo ricercatore ISGI-CNR, ad esporre i punti salienti dell’analisi svolta.

Ed infine, dall’insieme di tutti i materiali prodotti, Anffas ha composto 5 raccomandazioni rivolte ai decisori politici e durante l’evento del 18 febbraio, il presidente nazionale Anffas Roberto Speziale condividerà tali raccomandazioni con tutti i presenti.

Al termine della giornata è prevista una tavola rotonda con Giampiero Griffo (coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio Nazionale Disabilità), Vincenzo Falabella (Presidente FISH – Federazione Italiana Superamento Handicap) eRoberto Romeo (Vice Presidente FAND). Modererà gli interventi Donata Pagetti Vivanti (European Disability Forum).

Ricordiamo inoltre che l’evento potrà essere seguito anche in streaming ed attraverso la diretta social sulla pagina facebook @anffasonlus.naz, twitter @AnffasOnlus.

 

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito nella sezione dedicata.

Roma, 14 febbraio 2019

Qui il programma dell’evento

Area Relazioni Istituzionali, Advocacy e Comunicazione Anffas Onlus

comunicazione@anffas.net

06.3212391

 

*Realizzato con contributo finanziario concesso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l’annualità 2016 a valere sul Fondo per l’Associazionismo di cui alla legge n.383 del 2000

‘Abruzzo per tutti’ fa tappa a Ortona: il racconto di una bellissima giornata

Dopo l’appuntamento pescarese, con la visita del Museo delle Genti d’Abruzzo e della Casa natale di Gabriele d’Annunzio, lunedì 28 gennaio nuova uscita sul territorio per i partecipanti al progetto ‘‘Abruzzo per tutti, con il valore di ognuno’. Il gruppo stavolta ha fatto tappa a Ortona, passando ancora una volta con disinvoltura dalla formazione in aula alle visite guidate sul territorio, alla scoperta dei tesori storici e artistici abruzzesi.

Nel corso della giornata sono stati toccati i luoghi più significativi della città, come la Basilica di San Tommaso Apostolo, che conserva le reliquie del Santo protettore, il Museo della Battaglia, dedicato alla Seconda Guerra Mondiale, il Teatro Tosti, costruito nel 1910 sulla passeggiata Orientale, e Palazzo Farnese, risalente al 1584.

Com’è andata a Ortona? A raccontarlo sono gli stessi protagonisti del progetto, al rientro a Pescara dopo l’intensa giornata. “Ci ha colpito tantissimo la chiesa di San Tommaso Apostolo – raccontano Andrea e Cristiana – distrutta durante la guerra e poi ricostruita”. “Il bellissimo teatro – proseguono – costruito nel 1910 e oggi intitolato a Francesco Paolo Tosti, può contenere ben 450 persone”. Proprio adiacente al teatro c’è il Museo della Battaglia di Ortona, altro pezzo forte dell’offerta turistica della cittadina adriatica.

Anche a Silvia è piaciuta la Basilica, con la cripta e le spoglie del Santo, mentre Simone e Raffaella hanno apprezzato particolarmente gli esterni, con la statua di San Tommaso, il porto vecchio di Ortona visto dall’alto, la facciata di Palazzo Farnese e la pavimentazione con la rosa dei venti. La visita si è chiusa con una bella passeggiata, che oltre ad offrire a tutti la splendida panoramica sul mare, ha toccato anche il Castello Aragonese, restaurato nel 2001, sul cui viale d’accesso sono piantati gli ‘alberi del paradiso’.

“Ci hanno raccontato anche una storia – concludono i partecipanti – che riguarda una spiaggetta del porto vecchio dove, secondo la leggenda, nei giorni di burrasca si sentirebbe una voce femminile. Si tratta, sempre secondo la leggenda, della giovane fidanzata di un pescatore, divisa per sempre dal suo amato a causa di una terribile tempesta in mare”.

Il progetto, coordinato da Anffas Abruzzo, si concluderà il prossimo mese di luglio con la realizzazione di guide turistiche da distribuire nel corso di eventi fieristici nazionali ed internazionali.

‘Abruzzo per tutti’ alla scoperta dei tesori pescaresi

Dalle nozioni ai fatti, dalla formazione in aula alle visite sul territorio: è partita lunedì 14 gennaio la fase operativa del progetto ‘Abruzzo per tutti, con il valore di ognuno’, con il gruppo, composto da 24 persone con disabilità intellettiva accompagnate da operatori e volontari, lanciato alla scoperta dei tesori storici e artistici di Pescara.
Dopo diversi incontri di formazione tenuti nel capoluogo adriatico e nelle sedi Anffas di Ortona, Martinsicuro e Sulmona, dove si è parlato di turismo accessibile, comunicazione e linguaggio facile da leggere e da comprendere, i partecipanti hanno vissuto la prima esperienza sul territorio, visitando il Museo delle Genti d’Abruzzo e la Casa natale di Gabriele d’Annunzio.
“E’ stato bellissimo condividere questa esperienza con i nostri amici delle altre sedi – ha commentato Simone -, ed è stato emozionante accompagnarli in luoghi così importanti per l’identità culturale pescarese. Ora, aspettiamo di ricambiare la visita e lasciarci guidare nelle loro città”.
In linea con quanto appreso durante la formazione in aula, il gruppo di Pescara si è cimentato nella illustrazione delle principali caratteristiche dei luoghi visitati, sperimentando direttamente i principi della comunicazione turistica inclusiva e aperta a tutti.
“E’ proprio questo lo spirito del progetto – ha commentato la presidente di Anffas Abruzzo Maria Pia Di Sabatino – ovvero portare i ragazzi non solo a vivere il territorio, ma anche a comunicarlo rendendosi protagonisti dell’esperienza”.
Il progetto, che porterà alla realizzazione di guide turistiche da distribuire nel corso di eventi fieristici nazionali ed internazionali, proseguirà nelle prossime settimane, quando le associazioni partner di Sulmona, Ortona e Martinsicuro ‘ricambieranno’ l’ospitalità dei pescaresi, aprendo le porte alle bellezze dei rispettivi territori.

“Anffas 60 anni di futuro. Le nuove frontiere delle disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo”. Tre giorni di futuro

Si è svolto il 28, 29 e 30 novembre u.s. alla Nuova Fiera di Roma, l’evento Internazionale “Anffas 60 Anni di Futuro. Le nuove frontiere delle disabilità intellettive e disturbi del Neurosviluppo” organizzato da Anffas Onlus (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) in collaborazione con il Consorzio degli autonomi enti a marchio Anffas “La Rosa Blu”, evento che ha riscosso un grande successo e che ha visto, oltre ad una grandissima affluenza di partecipanti (oltre 1000), più di 150 relatori di spicco, tra cui, solo per citarne alcuni, il Prof. Miguel Verdugo – Docente di Psicologia della disabilità presso l’Università di Salamanca, tra i massimi esperti sui temi delle disabilità intellettive e della qualità della vita a livello mondiale – il Prof. Luigi Croce, Presidente del Comitato Scientifico Anffas Onlus, Donata Pagetti Vivanti (Vice Presidente European Disability Forum), Francesca Pasinelli (Direttore Generale Fondazione Telethon), Michael Wehemeyer della University of Kansas, Dana Roth della Israel Nonprofit Organization Management, Luigi D’Alonzo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Marco Trabucchi dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria, Vincenzo Falabella (Presidente FISH – Federazione Italiana Superamento Handicap), Benedetta Demartis – (Presidente Nazionale ANGSA),Paolo Grillo – (Presidente Nazionale AIPD (Associazione Italiana Persone Down), Marco Espa – Presidente Nazionale ABC (Associazione Bambini Cerebrolesi), Claudia Fiaschi – (Portavoce Nazionale Forum Terzo Settore) e Enrico delle Serre (Portavoce Nazionale della Piattaforma Italiana degli Autorappresentanti in Movimento).

L’evento ha inoltre visto la presenza del Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati e del Sottosegretario di Stato per la famiglia e le disabilità, Vincenzo Zoccano, nel momento dell’apertura dei lavori.

Grande importanza ha rivestito in tal senso anche e soprattutto il pieno protagonismo dei tanti autorappresentanti Anffas Onlus che sono stati anch’essi relatori riportando opinioni, concetti ed idee fondamentali per la costruzione di un futuro diverso e migliore per la nostra società.

L’evento ha concluso le Celebrazioni del 60ennale dell’Associazione ed ha anche rappresentato un ottimo modo di valorizzare la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità del 3 dicembre, consentendo di andare oltre la semplice celebrazione fatta di sole parole e diffondendo concretamente conoscenze, pratiche promettenti da un punto di vista operativo.
L’evento ha anche ottenuto l’importante riconoscimento della Medaglia del Presidente della Repubblica.

Tre giorni estremamente interessanti che hanno consentito di riflettere ed aggiornarsi sulla grande ricchezza in termini di pensieri, teorie e soluzioni innovative esistenti nel panorama internazionale e nazionale in materia di disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, confrontandosi al tempo stesso sulle problematiche e sfide della situazione attuale e sul grande lavoro che il nostro Paese ha da fare per garantire, effettivamente, diritti umani e qualità della vita a tutti i cittadini.

Tre giorni dove le vere protagoniste sono state proprio le persone con disabilità intellettive. Infatti, nel pomeriggio della seconda giornata si è visto un susseguirsi di spettacoli teatrali, spettacoli musicali, presentazione di cortometraggi e presentazione di progetti innovativi che ha dato prova, ancora una volta, delle concrete capacità e del reale valore delle persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo.

L’evento internazionale” – commenta Roberto Speziale, presidente nazionale di Anffas – “ha rappresentato un nuovo punto di partenza nell’ambito delle disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo poiché il confronto, il dialogo e gli incontri che ci sono stati in questi giorni hanno gettato nuove fondamenta, nuove sfide che ci fanno guardare al futuro con coraggio e speranza poiché ci consentiranno di lavorare con più consapevolezza e in sintonia per la tutela dei diritti e per la promozione della qualità della vita”.

 

Articolo su www.anffas.net, disponibili a questo link gli atti

Incontri di formazione sul tema della comunicazione nell’ambito del progetto “Abruzzo per tutti, con il valore di ognuno”

Nell’ambito del progetto ‘‘Abruzzo per tutti, con il valore di ognuno – Le persone con disabilità protagoniste e risorsa per una regione inclusiva’, è partito lunedì 19 novembre il ciclo di 8 incontri che avranno come tema la comunicazione.

La formazione, gestita dalla dott.ssa Marta Viola, è parte integrante di  progetto in rete coordinato da Anffas Abruzzo in collaborazione  con le sedi di Pescara, Ortona, Sulmona e Martinsicuro.

Nella sede di Pescara la dott.ssa Marta Viola ha parlato di comunicazione stimolando i presenti ad una partecipazione attiva. Perché è importante comunicare? E in quanti modi è possibile farlo? Quali sono gli strumenti più adeguati?

ll secondo appuntamento si è tenuto ieri, 22 novembre, sempre nella sede di Anffas Pescara.
‘La comunicazione – spiega Marta Viola – rappresenta un passaggio fondamentale del progetto, integrandosi  con gli incontri sul linguaggio facile da leggere e perseguendo il fine dell’inclusione sociale e della partecipazione attiva”.
Dopo aver evidenziato l’importanza della comunicazione e gli strumenti di volta in volta utilizzati per uno scambio efficace, il gruppo, composto da 24 persone con disabilità intellettiva accompagnate da operatori e volontari, si è cimentato nei primi ‘esercizi’ e momenti esperienziali, come ad esempio lo scambio di informazioni in coppie.
“E’ stato molto interessante condividere in gruppo queste informazioni – sottolinea S. – perché ci ha aiutato a capire come una comunicazione efficace sia utilissima anche per ricordare le cose”.

Il progetto andrà avanti nei prossimi mesi con altri 6 incontri sulla comunicazione, oltre a prevedere numerosi momenti formativi e visite guidate sul territorio.

Progetto ‘Abruzzo per tutti’, a Pescara il corso sul linguaggio facile da leggere

Procede a grandi passi ‘Abruzzo per tutti, con il valore di ognuno – Le persone con disabilità protagoniste e risorsa per una regione inclusiva’, presentato lo scorso 25 ottobre a Pescara. Il progetto, gestito da Anffas Abruzzo in collaborazione con le sedi Anffas di Ortona, Pescara, Martinsicuro e Sulmona e finanziato dalla Regione Abruzzo, mira a promuovere una fattiva convergenza tra le persone con disabilità intellettiva e il territorio, favorendo la conoscenza delle risorse ambientali, artistiche e culturali ed evidenziando al contempo la qualità delle esperienze degli stessi giovani e adulti con disabilità.

Dopo l’evento di presentazione e i primi incontri formativi sul territorio, il 14 e 15 novembre la sede di Anffas  Pescara ha ospitato il corso di formazione ‘Disabilità intellettive ed accesso alle informazioni: il linguaggio facile da leggere’. “Nell’ottica dello sviluppo di una educazione di qualità, equa ed inclusiva – sottolinea Maria Pia Di Sabatino, presidente di Anffas Abruzzo -, il corso rappresenta un passaggio fondamentale del progetto”.

 

Perché è importante il ‘linguaggio facile da leggere’? E quali sono gli strumenti più efficaci per rendere le informazioni facili da capire? Partendo da queste domande, e facendo costante riferimento alle linee guida di Inclusion Europe ‘Informazioni per tutti’, le formatrici hanno illustrato alle 24 persone selezionate dalle 4 sedi Anffas, agli operatori e volontari ed agli alunni e insegnanti delle scuole partner, l’importanza di queste tematiche per una fattiva inclusione sociale.

La parte teorica, sempre interattiva e volta a coinvolgere tutti i presenti, è stata seguita da esercitazioni di gruppo dove i partecipanti, affiancati da volontari e operatori, hanno dato applicazione pratica alle stesse nozioni, elaborando contenuti facili da leggere e da comprendere. Anche nel corso della seconda giornata di formazione, focalizzata sui temi ‘Non scrivete su di noi senza di noi’ e ‘Insegnare può essere facile’, la suddivisione in piccoli gruppi ha reso in concreto quanto suggerito dalle linee guida, trovando una puntuale convergenza rispetto agli obiettivi iniziali.

“E’ importantissimo – spiega Maria Pia Di Sabatino – che quanto espresso dalle linee guida abbia trovato immediato riscontro anche nella pratica, con i ragazzi autori e al tempo stesso fruitori di un prodotto inclusivo e utile per la comunità”.

 “E’ stato molto interessante – confermano i partecipanti -, ogni gruppo si è concentrato su una delle città selezionate per il progetto, e dopo aver ricercato informazioni e immagini, abbiamo abbozzato delle mini-guide comprensibili e leggibili da tutti”. Ma non è tutto, visto che oltre alle attività in aula le due giornate sono state utili anche per rafforzare lo spirito di gruppo e le relazioni sociali tra le persone coinvolte. “E’ stato bellissimo incontrarci qui a Pescara – aggiungono -, pranzare tutti insieme e trascorrere tanto tempo in compagnia. Siamo felici ed entusiasti di iniziare questo percorso!”  

 “Ci tengo a ringraziare le formatrici Erica Pontelli, Francesca Stella e Maria Cristina Schiratti – conclude la presidente di Anffas Abruzzo -, che tra l’altro riveste anche il ruolo di consigliera nazionale Anffas”.

Il progetto, di durata annuale, proseguirà nei prossimi mesi con nuovi incontri di formazione, visite guidate sul territorio e con la produzione di materiali informativi da distribuire nel corso di eventi fieristici per promuovere le bellezze dell’Abruzzo in tutto il mondo.

 

Evento di presentazione del progetto “ETS – Sviluppo in Rete” – ROMA

Sarà presentato ufficialmente il 24 ottobre p.v. a Roma, presso l’Hotel Roma Aeterna di via Casilina 125,con un evento ad hoc che si svolgerà dalle 10 alle 16.30, il nuovo progetto di Anffas Onlus dal titolo “ETS- Sviluppo in Rete”.

Realizzato con il finanziamento concesso dal Ministero del lavoro e politiche sociali per annualità 2017 a valere sul fondo per il finanziamento dei progetti e attività d’interesse generale nel terzo Settore di cui all’art.72 del d. legislativo n.117/2017, il progetto  è aperto  agli enti aderenti alla rete Anffas e a quelli con cui Anffas collabora e a cui appartiene (Fish e Forum Terzo Settore), con particolare riferimento a quelli operanti nell’ambito dell’associazionismo familiare e delle disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo.

Il progetto nasce sulla base del cresente bisogno di informazione e cambiamento degli Enti del Terzo Settore in relazione alla recente Riforma del Terzo Settore che, secondo Anffas, non può essere interpretata come mero adempimento ma deve essere invece letto e compreso lo spirito innovativo della stessa, lettura questa, che implica per gli Enti del Terzo Settore una autoanalisi in termini valoriali, tecnici, gestionali, giuridici, contabili, strategici ed organizzativi e conseguentemente una acquisizione di nuove e più raffinate conoscenze e competenze.

Per maggiori informazioni leggi

“CAPACITY, LA LEGGE È EGUALE PER TUTTI”: ONLINE I VIDEO-TUTORIAL DI ANFFAS SUL SOSTEGNO ALLA PRESA DI DECISIONI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ INTELLETTIVE

“CAPACITY, LA LEGGE È EGUALE PER TUTTI”:
ONLINE I VIDEO-TUTORIAL SUL SOSTEGNO ALLA PRESA DI DECISIONI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ INTELLETTIVE

Sono online sul sito www.anffas.net, a questo link http://www.anffas.net/it/progetti-e-campagne/capacity-la-legge-e-eguale-per-tutti/, i video del progetto “Capacity: la legge è eguale per tutti – Modelli e strumenti innovativi di sostegni per la presa di decisioni e per la piena inclusione sociale delle persone con disabilità intellettive”*  (co-finanziato dal Ministero del Lavoro ex art.12 co.3 legge 383/00 e presentato al pubblico nel dicembre 2017), l’iniziativa di Anffas Onlus nata per sperimentare modelli innovativi di sostegno al processo decisionale per le persone con disabilità, in particolare intellettive e disturbi del neuro-sviluppo, in attuazione dell’art.12 della Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità (Eguale riconoscimento di fronte alla Legge).

 

Dopo il lancio della consultazione pubblica del 10 luglio u.s. e ad oggi ancora attiva** – aperta anche alle persone con disabilità intellettive grazie ad una versione accessibile, e volta a contribuire, lo ricordiamo, alla realizzazione dell’analisi del sistema giuridico normativo italiano in relazione alla concreta attuazione dell’art. 12, anche a confronto con i sistemi introdotti a livello europeo ed internazionale – Anffas continua a lavorare per diffondere il più possibile l’importanza dell’esigibilità del diritto alla presa di decisioni per le persone con disabilità intellettive questa volta attraverso 8 video-tutorial che spiegano in modo semplice alcuni elementi fondamentali legati, appunto, all’art. 12 della Convenzione ONU e che sono rivolti a persone con disabilità, famiglie, operatori dei servizi, operatori dei sistemi di giustizia e del sociale.

 

Oltre ad un video introduttivo che spiega il progetto Capacity nella sua totalità, gli argomenti degli altri video riguardano:

 

–          l’articolo 12 della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, il concetto di capacità d’agire e il diritto di decidere;

–          “dalla Sostituzione al Sostegno”, in merito all’importanza di non sostituirsi alla persona con disabilità, ma di fornire sostegni e supporti adeguati;

–          il “sostegno alla presa di decisioni: il ruolo delle famiglie”, che spiega in che modo le famiglie delle persone con disabilità possono supportare in maniera adeguata i loro familiari nella presa di decisioni, superando anche i principali ostacoli, paure e preoccupazioni;

–          il “sostegno alla presa di decisioni: il ruolo delle organizzazioni di famiglie” 
che spiega il ruolo delle organizzazioni di famiglie nella promozione e tutela del diritto alla libertà di scelta e di autodeterminazione;

–          le “pratiche di sostegno alla presa di decisioni: i circoli di sostegno” che spiega cosa sono i circoli di sostegno(cioè gruppi di persone che si incontrano regolarmente con l’obiettivo di aiutare una persona a raggiungere i suoi obiettivi) come possono crearsi, quale ruolo hanno e quali azioni possono portare avanti per supportare le persone con disabilità intellettive;

–          le “pratiche di sostegno alla presa di decisioni: il progetto individualizzato”, che spiega l’importanza fondamentale del progetto di vita centrato sulla persona, fornendo alcune raccomandazioni su come redigerlo;

–          le “pratiche di sostegno alla presa di decisioni: il peer support”, che spiega cosa è il peer support (gruppi di supporto tra pari) quale ruolo ha e quali azioni si possono portare avanti per supportare le persone con disabilità intellettive, anche attraverso i gruppi di autorappresentanza.

A completare i toolkit previsti dal progetto, saranno presto disponibili delle guide rivolte a persone con disabilità, famiglie ed operatori e professionisti del settore, contenenti informazioni utili, ma anche esercitazioni e risorse, e che sono attualmente in fase di sperimentazione presso le 20 strutture associative che stanno lavorando al progetto sul territorio nazionale.

Per informazioni sul progetto e scaricare tutti i materiali prodotti è possibile consultare la sezione dedicata sul sito www.anffas.net

 

*Realizzato con contributo finanziario concesso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali per l’annualità 2016 a valere sul Fondo per l’Associazionismo di cui alla legge n.383 del 2000