Anffas e AIPD chiedono chiarimenti sulla raccolta del consenso al trattamento vaccinale

In data 20 gennaio 2021, una Lettera congiunta è stata sottoscritta dai Presidenti Nazionali di Anffas Nazionale e AIPD avente per oggetto “Chiarimenti sulla raccolta del consenso al trattamento vaccinale per persone con Sindrome di Down nonché con disabilità intellettiva, con disturbi del neurosviluppo o con disturbi psichiatrici” inviata all’attenzione del Cons. Antonio Caponetto, Capo dell’Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Prof. Giuseppe Recinto, Consigliere in materia di disabilità del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Scopo della suddetta lettera è quello di richiamare l’attenzione sulla necessità di fornire chiarimenti sulla raccolta del consenso informato per il trattamento sanitario per le vaccinazioni anti Covid-19 da parte delle persone con disabilità intellettiva, con disturbi del neurosviluppo o con disturbi psichiatrici al fine di non rallentare o impedire l’auspicato agevole accesso alla campagna vaccinale di tutte le persone con disabilità, unitamente ai loro familiari e persone di loro riferimento. Un particolare e specifico focus è fatto sulle persone con disabilità non ricoverate (visto che quelle ricoverate trovano già una copertura normativa nel Decreto legge 5 gennaio 2021, n. 1), sopratutto nel caso in cui non abbiano alcuna figura giuridica di protezione (tutore, curatore, amministratore di sostegno) e non siano nelle condizioni di fornire un valido consenso informato.

Èstata perciò trasmessa in allegato una nota di approfondimento da prendere come proposta per diramare una specifica direttiva o altro documento che si ritenesse più utile o confacente al fine di garantire uniformità di comportamento sull’intero territorio nazionale ed evitare che le persone con disabilità, loro familiari, tutori, curatori, amministratori di sostegno e fiduciari possano trovare impedimenti nell’accesso alla campagna vaccinale con particolare riferimento al delicato aspetto della raccolta del consenso informato, vista anche la particolarità delle disabilità rappresentate.

Per consultare la lettera congiunta è possibile cliccare qui

Per consultare la nota di approfondimento allegata è possibile cliccare qui

“La Vaccinazione Covid-19: facoltà o obbligo del datore di lavoro di sottoporre a vaccinazione i propri dipendenti? Forse né l’una… ed è ancora presto per l’obbligo?”

Continuano gli approfondimenti realizzati da parte dei componenti dell’Unità di Crisi di Anffas Nazionale in riferimento al momento emergenziale mondiale in corso e all’annessa campagna di vaccinazione, ed in relazione a questo, dopo il  documento Consenso informato e disposizioni sulla somministrazione del vaccino contro il Covid-19 a beneficio delle persone incapaci naturali o incapaci di intendere e di volere ricoverate in strutture sanitarie residenziali è disponibile un nuovo importante contributo redatto sempre dall’avv. Marcellino, componente, appunto, della citata Unità di Crisi, dal titolo “La Vaccinazione Covid-19: facoltà o obbligo del datore di lavoro di sottoporre a vaccinazione i propri dipendenti? Forse né l’una… ed è ancora presto per l’obbligo?”.

Il documento offre una generale analisi in relazione alla obbligatorietà o meno della vaccinazione in ambiente lavorativo, soprattutto a partire dal D.lgs 81/2008 (Testo Unico della Sicurezza sul lavoro), individuando, in base a tale norma, le dovute azioni da porre in essere, soprattutto per salvaguardare la salute dei lavoratori e dei terzi, pur con le dovute considerazioni circa la disponibilità, al momento limitata, del vaccino.

Per consultare il documento è possibile cliccare qui

Tutti i materiali prodotti dall’Unità di Crisi di Anffas Nazionale sono disponibili nella sezione dedicata qui

“Partecipazione, Responsabilità, Impegno: le parole chiave di Anffas per il 2021” – Online il nuovo numero de “La Rosa Blu”!

Anffas Nazionale è lieta di comunicare la pubblicazione del nuovo numero (dicembre 2020) de’ La Rosa Blu – in versione esclusivamente online – dal titolo ‘”Partecipazione, Responsabilità, Impegno: le parole chiave di Anffas per il 2021“.

Si tratta questa di un’edizione molto importante per l’intera rete Anffas in quanto è stata principalmente dedicata a tre principi fondanti, appunto Partecipazione, Responsabilità ed Impegno, cui deve attenersi chiunque a vario titolo appartenga o si rapporti ad Anffas al fine di svolgere al meglio il proprio compito, ruolo e missione associativa. L’obiettivo è, infatti, quello di far riflettere su cosa voglia dire appartenere alla rete Anffas e su quanto, soprattutto in questo periodo così difficile stravolto dalla situazione pandemica ancora in corso, ci sia bisogno del contribuito originale e prezioso di ognuno, a partire dalle stesse persone con disabilità e familiari fino ad operatori ed amici, perchè solo con un senso di appartenenza sentito, partecipazione, responsabilità ed impegno, si potrà crescere e progredire garantendo così sempre più maggiori risposte e la migliore Qualità di Vita possibile per le persone di cui da oltre 62 anni Anffas si prende cura e carico e dei loro familiari.

Il link per leggere la rivista – completamente sfogliabile, scaricabile e stampabile – è disponibile cliccando qui e sono invece qui disponibili delle semplici spiegazioni che illustrano la modalità di lettura.

Il link al qr-code, invece, è disponibile cliccando qui: https://my.flipbookpdf.net/RpxIk/qr 

basta aprire la fotocamera del proprio cellulare, inquadrare il qr-code e poi cliccare sull’avviso che compare sul telefono che riporta direttamente alla pagina in cui visualizzare la rivista.

Agenda Anffas 2021: è ora disponibile la versione online

Anffas Nazionale è lieta di comunicare la pubblicazione online della nuova Agenda Associativa Anffas per l’anno 2021 dal titolo “Liberi di scegliere… dove e con chi vivere. Art. 19 della CRPD”! 

Si tratta questa di un’edizione corposa dedicata al tema del “Durante e Dopo di Noi“, ovvero un aspetto di fondamentale importanza per tutte le persone con disabilità, in particolare con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, nonché dei loro familiari, su cui Anffas Nazionale e l’intera base associativa lavora da tempo – si ricorda a proposito l’avvio del Progetto “Liberi di scegliere… dove e con chi vivere” avente per scopo quello di mettere in campo iniziative atte a fornire alle persone con disabilità ed ai loro familiari accoglienza, supporto, formazione ed informazione per la concreta attuazione della Legge 112/16 – e a cui, purtroppo, non viene ancora data la giusta attenzione ed applicazione sia a livello sociale sia a livello istituzionale, penalizzando fortemente così la vita delle stesse persone con disabilità e le loro famiglie.

L’Agenda 2021, contenente numerosi riferimenti utili quali, ad esempio, libri, film, buone prassi, documenti ufficiali nazionali ed internazionali, testimonianze dirette delle persone con disabilità, dei familiari, ecc., traccia un quadro generale della situazione attuale sul tema e offre una panoramica sulle diverse iniziative messe in atto sull’intero territorio italiano in ambito di “Durante e Dopo di Noi”. Obiettivo dell’Agenda è, infatti, fornire la spinta necessaria a realizzare un cambiamento nella società partendo come sempre dalle persone con disabilità e dalle loro famiglie che sono il fulcro del nostro pensare ed agire.

Il link per leggere l’Agenda – completamente sfogliabile, scaricabile e stampabile – è disponibile cliccando qui mentre sono qui disponibili delle semplici spiegazioni che illustrano la modalità di lettura.

Il link al qr-code, invece, è disponibile cliccando qui: basta aprire la fotocamera del proprio cellulare, inquadrare il qr-code e poi cliccare sull’avviso che compare sul telefono che riporta direttamente alla pagina in cui visualizzare l’Agenda.

Si ricorda che è possibile richiedere una copia dell’Agenda Associativa Anffas 2021 tramite la piattaforma e-Anffas cliccando qui.

Buona lettura!

Un successo il convegno nazionale Anffas: oltre 900 partecipanti all’evento online dedicato interamente al Progetto Individuale di Vita!

Oltre 900 partecipanti: questo il numero straordinario raggiunto dal convegno nazionale Anffas “Dalla gentile concessione all’esigibilità dei diritti. Il progetto individuale di vita ex art.14 legge 328” svoltosi in modalità online il 2 dicembre con la presenza di relatori esperti che hanno esplicitato al massimo ed in tutte le sue sfaccettature il tema dell’evento, ossia il progetto individuale, sottolineando, ancora una volta, la centralità della persona.

La persona al centro di tutto, così come da sempre Anffas evidenzia, contrastando un sistema che invece ancora oggi non tiene conto di questo fattore indispensabile nella costruzione del progetto individuale e che mai come ora, dopo aver visto cosa è accaduto a seguito della pandemia Covid-19 e cosa ancora sta accadendo, è essenziale per la vita delle persone con disabilità intellettive ribadire al fine di non vedere più episodi di esclusione ed emarginazione.

“Quest’anno il tema della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità ha come tema Ricostruire meglio: verso un mondo post Covid-19 inclusivo della disabilità, accessibile e sostenibile e crediamo che non si possa ricostruire nulla se non partendo dalle persone con disabilità stesse, in particolare intellettive e con disturbi del neurosviluppo, spesso le più colpite da stigma e pregiudizi, dai loro desideri e dalle loro aspettative, puntando ad arrivare alla migliore Qualità di Vita possibile: è questo che ci ha spinto a realizzare questo evento totalmente dedicato al progetto individuale” dichiara Roberto Speziale, presidente nazionale Anffas “e la grande partecipazione che abbiamo avuto all’evento è la dimostrazione che le persone hanno percepito l’importanza e la centralità di questo argomento e che vi è la necessità di essere sempre più formati ed informati al fine di far rispettare questo diritto fondamentale”.

Da questo punto di vista, Anffas è stata felice di registrare la presenza all’evento di un numero cospicuo di partecipanti esterno all’associazione ed una significativa partecipazione anche da parte di operatori e rappresentanti del settore pubblico: segno questo dell’interesse sul tema, dentro e fuori Anffas, che ci ricorda che solo lavorando in rete sarà possibile apportare al sistema quel necessario ed atteso cambiamento che tutti i partecipanti hanno condiviso auspicato.

“Siamo estremamente felici di questo ed Anffas continuerà ad operare per accrescere questa consapevolezza e far così in modo di rendere le persone con disabilità, i loro familiari e tutti coloro che lavorano con e per loro, ancora più pronti e preparati su questo e su molti altri argomenti” continua e conclude il presidente “con l’obiettivo di non vedere mai più esclusione, isolamento ed emarginazione ma la centralità della persona, ora e sempre, in una società realmente inclusiva con pari diritti e pari opportunità”. 

Aperto con i saluti di Emilio Rota, vicepresidente nazionale Anffas e presidente della Fondazione Nazionale Anffas Durante e Dopo di Noi, e con il coordinamento della dott.ssa Emanuela Bertini, direttore generale di Anffas Nazionale, sin dal primo intervento – “Il progetto individuale ed il diritto ai giusti sostegni e supporti”, a cura dell’avv. Gianfranco de Robertis, consulente legale Anffas Nazionale – è stato rimarcato come “tutti i sostegni rivolti alle persone con disabilità debbano essere garantiti ed inseriti nel loro pieno percorso e contesto di vita”, un’affermazione ripresa anche dall’avv. Alessia Maria Gatto che nel rispondere a domande legate a provvedimenti giudiziari legati al progetto individuale, ha portato all’attenzione dei partecipanti sentenze che hanno più volte evidenziato la centralità del progetto individuale e ordinato la sua puntuale redazione e applicazione nei casi in cui si sono presentate mancanze sotto questo aspetto da parte degli organismi competenti.

Con la dott.ssa Roberta Speziale – psicologa e consulente di Anffas Nazionale – c’è stata la possibilità di approfondire ancora di più questo concetto con il suo intervento “Valutazione multidimensionale e progettazione individualizzata: gli elementi centrali”, entrando concretamente nella realizzazione del progetto individuale, grazie alla presentazione del funzionamento di Matrici Ecologiche e dei Sostegni e della Valutazione Multidimensionale appunto, evidenziando l’importanza della Qualità di Vita – definita dall’OMS come la percezione che la persona ha della propria vita nel contesto culturale e nel sistema di valori in cui vive in relazione con i suoi obiettivi, aspettative, ambizioni, standard e interessi – apprendendo anche come rapportarsi ed intervistare le persone con disabilità intellettive ai fini della costruzione del progetto individuale, ossiacercando di partire sempre dalle cose che sono ritenute importanti per la persona e solo successivamente approfondire cosa potrebbe essere importante a beneficio della persona.

Un esempio concreto di applicazione di Matrici e della Valutazione Multidimensionale è arrivato dal dott. Vito Catania, psicologo dell’Équipe di Anffas Piemonte del progetto “Liberi di scegliere… dove e con chi vivere”, che ha presentato un esempio di progettazione individualizzata durante la pandemia.

Ha chiuso la serie di interventi la dott.ssa Chiara Canali – psicologa psicoterapeuta, Case Manager di Anffas Massa Carrara e formatrice di Anffas Nazionale – che ha approfondito il percorso della progettazione personalizzata partendo dagli strumenti che indagano la qualità di vita della persona con disabilità attraverso il software Matrici ecologiche e che ha portato degli esempi di vita reale di persone con disabilità intellettive grazie a dei video, mettendo in evidenza quanto il Covid-19 abbia influito sulla loro quotidianità e su quella dei loro familiari. Anche la dott.ssa Canali ha portato all’attenzione di tutti il fatto che “non esiste un metodo giusto e uno strumento giusto, ma esiste la necessità di identificare il giusto strumento ed il giusto metodo per la persona, per ogni persona, perché un diritto imprescindibile delle persone con disabilità”.

Gli atti del convegno sono disponibili qui

Vaccinazione prioritaria alle persone con disabilità: l’appello del presidente nazionale Anffas

Si riporta di seguito l’appello del Presidente Nazionale Anffas, Roberto Speziale, relativamente all’avvio della campagna vaccinale antiCovid-19 affinché venga previsto che all’interno delle categorie fragili con priorità rientrino anche tutte le persone con disabilità: 

Carissimi,

in questi giorni si fanno sempre più insistenti gli annunci sull’avvio della campagna vaccinale Anticovid 19. Sembrerebbe anche che le vaccinazioni avranno inizio intorno alla metà di gennaio e che la priorità sarà data al personale delle strutture sanitarie, agli anziani residenti nelle Rsa, nonché alle persone fragili con pluripatologie. Sembra, addirittura, che il commissario Arcuri abbia già richiesto alle Regioni di predisporre i relativi elenchi e di indicare il relativo fabbisogno.

Sin da subito, come movimento delle persone con disabilità e loro familiari, abbiamo segnalato il fatto che, tra le categorie a rischio da inserire quale priorità della campagna vaccinale, non venivano citate espressamente le persone con disabilità e che questa “dimenticanza” avrebbe poi potuto comportare che le stesse P.c.D. non avessero accesso, appunto, alla primissima tornata vaccinale.

Eravamo convinti che si trattasse solo di una svista, magari data dalla solita superficialità e poca conoscenza della disabilità che, non di rado e nostro malgrado, siamo costretti a registrare anche da parte di chi, invece, quelle conoscenze dovrebbe avere. Ma nonostante i nostri ripetuti e pressanti appelli, a distanza di settimane, assistiamo ad un “assordante silenzio”.

Questo sia da parte del Ministro Speranza che del commissario Arcuri, ma anche da parte di coloro che questi provvedimenti avevano suffragato dal punto di vista tecnico-scientifico.

Quindi questo comportamento comincia a farci sospettare che non si è per nulla trattato di una svista ma che costoro abbiano “deliberatamente” scelto di non inserire le persone con disabilità nella lista delle categorie prioritarie a cui somministrare le prime dosi di vaccino disponibili. E se così fosse sarebbe grave in quanto avremmo l’ennesima prova, già paventata nella fase 1 della pandemia in atto, che qualcuno a partire “dalle alte sfere del nostro sistema sanitario”, ritiene che la vita delle persone con disabilità ha meno valore. Cosa questa non solo intollerabile dal punto di vista umano, ma contraria anche ai principi costituzionali e alle convenzioni internazionali.

Infatti non c’è dubbio che le persone con disabilità, unitamente alle altre persone più fragili, sono quelle maggiormente esposte a rischi di varia natura derivanti dalla pandemia in atto e, quindi, hanno diritto a ricevere particolari ed ulteriori attenzioni rispetto agli altri cittadini. Le stesse persone hanno, inoltre, diritto a ricevere trattamenti adeguati e prioritari a tutela della loro salute e qualità di vita.

Tutto questo tenendo anche conto che per una persona con disabilità e per chi se ne prende cura e carico, già vivere le sole restrizioni legate al rischio di contagio rappresentano delle criticità assai complesse e difficili da gestire. Anche le difficoltà patite i questi lunghi mesi, dove si è stati praticamente lasciati soli, sono stati indicibili e nel caso di ritardo anche nella campagna vaccinale si determinerebbe un ulteriore sovraccarico i cui esiti, in molti casi, potrebbero rilevarsi “drammatici”. Oltre a tutto quanto prima detto si pensi anche al “baratro” che si apre in presenza di un contagio da Covid 19 che necessiti di un ricovero ospedaliero, soprattutto per le persone con disabilità rare e complesse e non collaboranti. Sappiamo bene, infatti, di come questo abbia determinato autentici “drammi” per coloro che ne hanno subito l’impatto spesso “fatale” e di come tali ricoveri determinino anche un ulteriore e significativo sovraccarico per le strutture sanitarie, spesso poco preparate ed attrezzate a gestire le P.c.D. in tempi normali, figuriamoci in situazioni emergenziali, quale quella in atto.

In buona sostanza, quindi, per le persone con disabilità, la prevenzione dal contagio, attraverso la somministrazione prioritaria del vaccino, non è legata solo all’aspetto della loro sopravvivenza ma occorre fare riferimento ad un quadro molto più complesso, che investe la più ampia sfera di vita delle stesse e di chi se ne prende cura e carico. Condizione questa che occorre ben conoscere, in tutte le sue mille sfaccettature, in modo da poterne tenere conto quando si fanno scelte quali quella in discorso. Ma così, purtroppo, non sembra essere stato né sembra che un “certo mondo” intende dare ascolto alla diretta voce delle stesse persone con disabilità e delle loro associazioni, maggiormente rappresentative e di come questa carenza sia alla base di tante scelte errate o approssimative. Altro aspetto, non certamente secondario, da tenere in debito conto, è quello relativo al fatto che in una P.c.D., per esempio con una malattia rara e complessa, anche gli esiti di un contagio da Covid 19, con sintomi apparentemente banali, possono determinare complicazioni del tutto inattese e tali da determinare un mix micidiale tale da pregiudicare ulteriormente la condizione di salute delle stesse persone, già di per sé critica.

Mi rivolgo, quindi, a tutti coloro che possono porre fine a questa ennesima ed assurda discriminazione, ma anche direttamente al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte che, tra l’altro, ha anche la delega sulla disabilità, per richiedere che “ad horas” si provveda ad emanare una chiara ed esaustiva direttiva nella quale si preveda che tutte le persone con disabilità devono essere vaccinate contro il Covid 19, in condizioni di priorità, analogamente a quanto già previsto per le altre categorie di cittadini e senza alcuna forma di discriminazione.

In caso contrario saranno evidenti le responsabilità di ognuno, e di tutti, nel ritenere le vite delle persone con disabilità “di minor valore”, ed in quanto tali, “più facilmente sacrificabili”.

Per tutto quanto precede chiedo a ciascuno di Voi di farsi tramite perché il nostro appello venga diffuso e giunga alle sedi opportune.

Grazie

Roberto Speziale
Presidente Nazionale Anffas

Per approfondire 

Leggi l’articolo “Covid&Vaccini – la “dimenticanza” delle persone con disabilità”

Emergenza Coronavirus: l’appello del Presidente di Anffas Nazionale

Si riportano di seguito le parole del Presidente Nazionale Anffas, Roberto Speziale, e del relativo Consiglio Direttivo Nazionale rivolte all’intera base associativa relativamente alla nuova e critica situazione emergenziale dovuta al Covid-19 che sta dilagando sul territorio nazionale e non solo.

Carissimi/e

torno a scriverVi su un tema che mai, dopo tutto ciò che abbiamo passato negli scorsi mesi, avrei voluto tornare ad affrontare.

Purtroppo i dati ci dicono che c’è una ripresa dei contagi che galoppa e che, questa volta, il dato non è più limitato a specifiche aree del paese ma è pressoché generalizzato.

Cosa ci riserva il futuro? Nessuno è in grado di dirlo e non dobbiamo mai perdere la speranza e dobbiamo continuare a credere fermamente che tutto si risolverà al più presto e per il meglio. Ma, in questo momento, siamo chiamati tutti a mettere in atto comportamenti individuali e sociali ancora più responsabili ed attenti rispetto a quanto abbiamo saputo fare, anche nei momenti di massima emergenza che abbiamo già attraversato.

In buona sostanza Vi esorto ad improntare i nostri comportamenti alla massima cautela.

Dobbiamo, infatti, tutti avere un unico obiettivo: far rallentare e fermare il diffondersi dei contagi per proteggere le nostre persone con disabilità i nostri familiari, specie quelli più avanti con l’età, ed i nostri insostituibili operatori e collaboratori.

Questo comporterà altri sacrifici e rinunce e mi rendo conto di quanto questo possa apparire pesante ed angosciante, ma è assolutamente necessario!

Infatti il rischio di trovarci, nel giro di pochissime settimane, in una situazione ben più grave è complessa di quella che abbiamo già vissuto è estremante cogente.

Noi non possiamo certo risolvere, da soli, questo enorme problema, ma ognuno di noi può dare un contributo significativo con comportamenti individuali e sociali adeguati.

Anffas ha dato, fino ad oggi, ampia e positiva prova di se, sotto tutti gli aspetti ed a tutti i livelli e di questo sono profondamente grato ad ognuno di voi unitamente a coloro che assieme a voi hanno scavato le trincee, spesso a mani nude, nelle quali abbiamo tutti insieme combattuto, senza mai lasciare indietro o solo nessuno.

Il Consiglio Direttivo Nazionale nel corso della riunione della scorsa settimana ha a lungo discusso su come poter affrontare al meglio anche questa nuova fase pandemica, che si annuncia assai critica, restando il più vicino possibile alla nostra intera base associativa.

Il CDN ha, quindi, deciso di mettere in campo una serie di iniziative che vanno dalla riattivazione dell’unità di crisi al la messa in campo di una serie di incontri on-Line, volti a dare supporto psicologico alle nostre persone, alle nostre famiglie ed ai nostri operatori. Nei prossimi giorni vi daremo i dettagli di tutto.

Anche il nostro Comitato Tecnico Scientifico è già al lavoro per fornire delle utili e pratiche indicazioni su come affrontare, nei nostri servizi, il nuovo periodo di emergenza che incombe.

Allo stesso tempo Vi invito a segnalare, a vostra volta, eventuali azioni o iniziative che ritenete possa contribuire allo scopo che ci siamo prefissati.

La grande famiglia Anffas torna a stringersi in un grande abbraccio ideale per affrontare anche questa ennesima è difficile prova e sono certo che nessuno si tirerà indietro nel fornire il proprio apporto e contributo.

Vi ringrazio per l’attenzione e vi abbraccio con tutto l’affetto di cui sono capace.

FORZA ANFFAS!!!

Roberto Speziale
Presidente Nazionale Anffas

Momenti di ascolto e sostegno psicologico dedicati alle famiglie

A seguito della ripresa dei contagi e della generale situazione di emergenza in atto, il Consiglio Direttivo Nazionale Anffas nel corso della riunione della scorsa settimana ha a lungo discusso su come poter affrontare al meglio questa nuova fase pandemica, che si annuncia assai critica.

Con l’obiettivo di svolgere una funzione di supporto, per quanto possibile, in questa nuova prova ed avendo già sperimentato l’importanza ed il valore di trovare dei momenti per condividere esperienze, preoccupazioni ed anche risorse, Anffas Nazionale ha deciso di realizzare alcuni momenti di ascolto e sostegno psicologico dedicati alle famiglie.

Si tratta di incontri online, modalità già sperimentata nei mesi scorsi, che hanno la durata di un’ora, agevolati da psicologi, componenti dell’Unità di Crisi di Anffas Nazionale.

Sarà, appunto, uno spazio all’interno del quale condividere i propri vissuti, le difficoltà ed anche le risorse con persone che vivono esperienze simili.

Per segnalare l’interesse ad aderire all’iniziativa è sufficiente inviare una mail con nome, cognome, numero di telefono ed indirizzo email al seguente indirizzo: nazionale@anffas.net.

Ricevute le prime richieste, verranno fornite, tramite apposita email, l’indicazione di una prima data e tutte le specifiche tecniche utili per la partecipazione.

http://www.anffas.net/it/news/14527/momenti-di-ascolto-e-sostegno-psicologico-dedicati-alle-famiglie/

Convegno Anffas “Dalla gentile concessione all’esigibilità dei diritti. Il progetto individuale di vita ex art.14 Legge 328”

L’emergenza sanitaria in corso non ferma Anffas che, in collaborazione con il Consorzio La Rosa Blu, anche quest’anno sta organizzando il suo convegno annuale, ovviamente in modalità online: si svolgerà infatti il 2 dicembre 2020, dalle 9 alle 13, il convegno organizzato da Anffas Nazionale dal titolo “Dalla gentile concessione all’esigibilità dei diritti. Il progetto individuale di vita ex art.14 Legge 328”.

Un tema importante e fondamentale per la vita di tutte le persone con disabilità intellettive e con disturbi del neurosvilppo e per tutta la base associativa a cui per questo motivo ilConsiglio Direttivo Nazionale di Anffas, nel rispetto della previsione statutaria relativa alla celebrazione dell’annuale convegno di livello nazionale ed in concomitanza con la celebrazione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità (che ricordiamo si celebra in tutto il mondo, dal 1992, il 3 dicembre per volere delle Nazioni Unite)ha deliberato di dedicare l’ormai tradizionale grande evento di dicembre.

Obiettivo primario è promuovere e garantire l’esigibilità dei diritti e della migliore Qualità di Vita possibile, divenendo in tal senso fondamentale la partecipazione all’evento di famiglie, operatori e di tutti coloro che operano con e per le persone con disabilità. 

Relatori di questo appuntamento saranno la dott.ssa Roberta Speziale (Psicologa e consulente Anffas Nazionale, componente del Comitato Tecnico Scientifico di Anffas Nazionale e componente del gruppo di Unità di Crisi Covid-19 Anffas Nazionale), la dott.ssa Chiara Canali (Psicologa psicoterapeuta di Anffas Massa Carrara e componente del gruppo di Unità di Crisi Covid-19), l’avv.Gianfranco de Robertis (consulente legale e componente del Comitato Tecnico Scientifico di Anffas Nazionale), l’avv. Alessia Maria Gatto (consulente legale e componente del Comitato Tecnico Scientifico di Anffas Nazionale).

Maggiori dettagli sull’evento saranno disponibili nei prossimi giorni.

http://www.anffas.net/it/news/14522/convegno-anffas-dalla-gentile-concessione-allesigibilita-dei-diritti-il-progetto-individuale-di-vita-ex-art14-legge-328/

Pillole informative Anffas – Ed. ottobre 2020

Molti sono i quesiti e/o le problematiche posti in questi giorni all’attenzione di Anffas Nazionale che, avvalendosi dei suoi esperti del settore, ha deciso di continuare ad elaborare ulteriori nuove pillole informative sul tema della scuola ed assicurazioni in favore delle persone con disabilità.

Nello specifico le pillole prodotte sono così elencate di seguito:

Pillola n. 61: Esonero dalle prove scritte di lingua straniera

Pillola n. 62: DSA ed esonero totale dalla lingua straniera

Pillola n. 63: Conseguimento del diploma da parte dello studente con disabilità

Pillola n. 64: Copertura assicurativa per persone con disabilità

Pillola n. 65: Alunni con patologie gravi e frequenza scolastica

Tutte le pillole prodotte sono consultabili e scaricabili qui